25/9-6/10 Mostra “Moscow” shock metropolitano di Caterina Angelica

 

L’Università Popolare presenta la mostra fotografica di Caterina Angelica dal titolo:

MOSCOW

Shock Metropolitano

Le fotografie di Caterina Angelica vanno guardate due volte, la prima per capire cosa diavolo ha intravisto con gli angoli degli occhi, e parlo di schegge impazzite di esistenza che sfuggono ai più, e che lei sa coglierci e immortalare con una verità, disarmante. La seconda per sentire, ma provare a sentire davvero, quello che lei sola sente quando mette a fuoco qualcosa o qualcuno: la ragazza persa a contemplare lo schermo del suo telefono mentre la vita le scorre davanti, o la signora seduta con ii fazzoletto in testa che sembra felice di essere triste. È dura lo so, ci vorrebbe un trapianto di· cornea e di cuore, ma penso che valga la pena provare a uscire, una buona volta, dalla centralità assurda ed egoriferita delle nostre vite, per fare quello che fa Caterina con le sue fotografie: un esercizio di compassione ed empatia.

Di nuovo, le sue fotografie mi fanno venire a mente il discorso di David Foster Wallace ai laureandi del Kenyon College nel 2005 (Questa e l’acqua/Einaudi), quando lo scrittore americano, un altro che vedeva e sentiva davvero, li invitò a scegliere cosa pensare, e magari guardare in modo diverso, meno scontato e automatico “quella signora grassa con l’occhio smorto e ii trucco pesante in fila alla cassa che ha- appena sgridato ii figlio: forse non e sempre così, forse e stata sveglia tre notti di seguito per stringere la mano al marito che sta morendo per un cancro alle ossa”.

Ho divagato, lo so, e quello che so fare meglio, e magari mi sono distratto e ho pure usato troppe volte le parole, guardare e sentire. Ma voi non distraetevi. Guardate le foto di Caterina, e provate a riguardarle una seconda volta con i suoi occhi e con il suo. cuore. Occhi e cuore che vogliono veramente vedere e sentire.

(Francesco Mencacci; Direttore didattico di Scuola Carver)

 

La mostra si terrà dal 25 settembre al 6 ottobre, apertura dal venerdì alla domenica dalle ore 17.00 alle ore 19.30 presso la Sala Concerti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.